Il Turismo in Puglia e la sua crescita

Una delle voci fondamentali per l’economia dell’Italia, nonché vanto e fortuna del nostro Bel Paese, è da sempre il Turismo, con ciò che ne consegue: indotto, strutture, posti di lavoro, cultura e tradizione enogastronomica: tutto ruota intorno all’ospitalità, ed è ovvio che ciascuno debba fare la sua parte, per garantire al meglio ogni singolo pezzo di un unico puzzle.

La Regione Puglia, in questo importante ambito, continua a segnare incrementi importanti rispetto all’incoming dei propri visitatori che, per quanto riguarda il 2014, ha evidenziato un aumento del +2,6% di turisti in entrata, sia italiani che provenienti dall’estero.

Le ragioni del successo turistico pugliese sono da ricercarsi, principalmente, nella tradizionale bellezza della Regione, sia dal punto di vista naturalistico che artistico ed infrastrutturale, ed il gradimento dimostrato risulta talmente elevato da riuscire ad incrementare, altro dato fondamentale, anche le seconde visite, cioè quelle del 59% degli italiani e del 23% degli stranieri che ritornano per le vacanze anche dopo esserci già stati una prima volta.

Anche nel 2015, e ci riferiamo ai dati di inizio stagione, il trend è assolutamente interessante, poiché si registra un aumento del 7,4% di arrivi e un 10,7% di presenze nei mesi di maggio e giugno, andando così a stimare un incremento del 2% di arrivi e del 4% di presenze in più rispetto all’anno precedente.

I dati del “fenomeno Puglia”, sono monitorati dal sito leader delle informazioni turistiche locali, nelsalento.com, per tutti i dati cliccate qui, che ha anche creato una pagina specifica con tutti i dati, qualitativi e quantitativi, per tenere sotto controllo i monitoraggi del settore, seguiti anche grazie alla creazione di un’infografica ad hoc: con oltre 3 milioni di visitatori, il portale si conferma uno dei principali player del turismo locale, offrendo info di ogni genere, dalla cultura alla gastronomia, dall’alloggio all’arte e alla natura.

Numeri, dunque, estremamente positivi per la splendida regione del Sud d’Italia che vengono segnalati dall’Osservatorio Regionale sul Turismo grazie al sistema telematico SPOT (Sistema Puglia per l’Osservatorio Turistico), che, istituito nel 2013, ha reso obbligatoria la registrazione dei report turistici da parte di tutte le strutture ricettive, dagli hotel superlusso ai B&B: non solo, anche altri importanti istituti di ricerca confermano il trend oggettivo, come Doxa per Europcar, Piepoli per Confurismo e SWG per Confesercenti.

Ovviamente, c’è grande soddisfazione in tutto il settore turistico per il successo sempre più in crescita, e lo dimostrano anche le dichiarazioni dell’amministratore di nelsalento.com, Marco Bove, che afferma “La Puglia e in particolare il Salento si dimostra una delle zone più attraenti turisticamente parlando. Un mix tra bellezze naturalistiche, architettoniche ed enogastronomiche hanno incontrato il gusto dei turisti facendo crescere gli arrivi, nonostante il periodo non proprio favorevole.”

Un’ulteriore conferma della soddisfazione di Puglia, e Salento in particolare, è stata raccolta anche da una ricerca di Tourist Profile & Preferences che, grazie a 3500 questionari proposti al 30% di turisti stranieri e al 70% di ospiti italiani, ha assegnato alla Regione l’elenco dei seguenti aggettivi: ospitale, autentica, solare, bella, divertente ed economica.

E persino TripAdvisor decreta questo successo nell’estate 2014, indicando, subito dopo le più note capitali europee, le destinazioni preferite nella stagione estiva proprio fra le località pugliesi Gallipoli, Ugento, Otranto, Vieste e Porto Cesareo, a comprova del grande e favorevole apprezzamento delle loro bellezze, dalle spiagge, al mare, alla splendida accoglienza turistica.